Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Come capire se un cane è malato?

Come capire se un cane è malato?

Per poter intervenire tempestivamente su eventuali problematiche di salute del nostro cane, è importante osservarlo attentamente ed imparare a conoscere le sue abitudini quotidiane, in modo da individuare immediatamente il manifestarsi di alcuni sintomi che possono essere considerati come campanelli di allarme per patologie più o meno gravi.

Un cane in salute ha gli occhi lucidi; se invece si presentano arrossati o gonfi potrebbe trattarsi di congiuntivite o di una reazione allergica.

Grattarsi spesso o perdere quantità di pelo più elevate del solito è segno di disturbi come dermatiti o ferite aperte, oppure di una infestazione in corso (pulci o zecche).

Cali di appetito, perdita di peso o problemi nella deglutizione fanno pensare a patologie addominali o alla sindrome da torsione dello stomaco; diarrea e vomito infine lasciano supporre stress o disturbi intestinali.

Conoscere le problematiche di salute più frequenti nella popolazione della stessa razza del nostro animale può aiutarci a non sottovalutare alcuni sintomi anche banali: la predisposizione genetica infatti è un fattore da tener sempre presente quando si parla della salute del cane.

Ad esempio: Retriever, Boxer e Pastore Tedesco sono particolarmente soggetti a displasia dell’anca, per cui in animali di queste razze è bene procedere con analisi specifiche in caso di difficoltà nei movimenti, nella corsa, o nel salire le scale.

Se il cane è anziano, la normale debolezza e l’aumento della pigrizia possono favorire sia l’obesità che l’insorgere di patologie cardiache.

E’ bene quindi, pur nel rispetto delle forze fisiche dell’animale in là con gli anni, proporgli una dieta sana ed equilibrata e mantenerlo in forma con un po’ di movimento leggero.

Un esemplare giovane più soggetto alle infezioni; i cani di piccola taglia sono maggiormente esposti al rischio di traumi, mentre quelli di grossa taglia sono in genere più a rischio di sviluppare malattie all’apparato scheletrico.

Per tutti vale la regola della prevenzione: mantenere il proprio animale pulito, spazzolare il pelo, provvedere ad una buona igiene orale per evitare l’accumulo di tartaro. Una corretta alimentazione è importantissima sia per il mantenimento di una buona salute fisica, sia per la prevenzione di alcune patologie specifiche.

A volte sintomi apparentemente di poca importanza sono spie di disturbi più gravi, che possono peggiorare se non trattati immediatamente. Per questo bisognerebbe sottoporre il proprio cane a regolari controlli veterinari, per escludere e prevenire eventuali problemi di salute.