Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Malattie parassitarie nei cani. La primavera e gli insetti

Malattie parassitarie nei cani. La primavera e gli insetti

Il piacevole clima primaverile risveglia gli animali e… gli insetti! Alcuni di essi sono in grado di causare ai nostri animali malattie più o meno gravi, in alcuni casi trasmissibili all’uomo.

Filariosi Cardiopolmonare

La Filaria è un verme, che si annida in cuore e polmoni del cane. Le larve entrano nell’organismo del nostro amico attraverso la puntura di zanzara. Se non curata per tempo, la filariosi può portare alla morte dell’animale. L’unica strategia preventiva è un periodico test eseguibile dal veterinario, per individuare tempestivamente la presenza del parassita. I repellenti antizanzare per animali riducono la probabilità di contrarre la malattia.

Approfondisci l’argomento della Filaria o Filariosi cardiopolmonare.

Coccidiosi

Le uova dei coccidi si schiudono nell’erba con il caldo primaverile. Il cane può infettarsi leccando il terreno o i prati, perché in questo modo ingerisce i coccidi. Essi si annidano nell‘intestino e si riproducono molto velocemente. I sintomi della loro presenza nell’organismo sono vomito, apatia, dissenteria, perdita di sangue. Un esame delle feci è in grado di individuare i parassiti, ed il veterinario prescriverà la terapia più adatta.

Leishmaniosi del cane

La Leishmaniosi è provocata da piccoli insetti chiamati Pappataci. E’ una malattia che colpisce il sistema immunitario e provoca nel tempo danni gravi alla salute del cane. I sintomi di Leishmaniosi sono: dermatite, dimagrimento, perdita di sangue dal naso, perdita di pelo su zampe, dorso, contorno occhi. Uno specifico esame del sangue permette al veterinario di diagnosticare la malattia.

Approfondisci l’argomento della Leishmaniosi canina.

Borrelliosi (Malattia di Lyme)

La Borrelliosi è provocata dalle zecche che vivono nei boschi o nelle zone di campagna. E’ una malattia cutanea degenerativa, i cui sintomi sono difficili da riconoscere. Essi infatti compaiono gradualmente anche mesi dopo il morso della zecca, ed è quindi frequente non collegarli subito alla patologia in questione. Sono sintomi della malattia di Lyme febbre, abbattimento, gonfiori articolari ed eritema migrante (ovvero una papula rossa che si diffonde gradualmente sul corpo). Un controllo annuale permette di individuare tempestivamente la borrelliosi, e di procedere eventualmente con le terapie adatte.

Approfondisci l’argomento della malattia di Lyme.

Ehrlichiosi canina

Anche l’Ehrlichiosi è causata dalle zecche, questa volta da quelle comuni. La patologia provoca un malfunzionamento dei globuli rossi, e la distruzione delle piastrine. I sintomi sono febbre, ematomi, sanguinamento dal naso, inappetenza. Sono sintomi confondibili con quelli di altre malattie, e possono presentarsi anche dopo molto tempo dal contagio. Per diagnosticare con certezza l’Ehrlichiosi, è necessario un esame del sangue.

Approfondisci l’argomento dell’Ehrlichiosi nel cane.

Malattie canine trasmissibili all’uomo

  • Tigna. E’ un fungo, che provoca perdita di pelo nel cane e di capelli/peli nell’uomo. La tigna si trasmette con il semplice contatto cutaneo, ed è facilmente curabile con apposite pomate. Le persone in condizioni di stress o con un sistema immunitario debole sono più soggette al contagio.
  • Rabbia. Si tratta di una malattia grave, per la quale fortunatamente esiste un efficace vaccino. Si contrae attraverso il contatto con il sangue o la saliva (in genere tramite morso) di un animale infetto. La rabbia è una malattia letale. Se il nostro cane viene morso da un altro animale è sempre meglio portarlo dal veterinario per un controllo.
    Approfondisci l’argomento della rabbia canina.
  • Scabbia. L’acaro della scabbia scava la pelle, provocando ulcere, croste, perdita di peli e capelli. Il sintomo principale della scabbia è un costante e fastidioso prurito. Il contagio è riconducibile al contatto prolungato con un individuo infetto (umano o animale che sia). La cura è a base di acaricidi, cioè di prodotti contenenti sostanze in grado di uccidere l’acaro responsabile.
  • Malattia di Lyme. Non è trasmessa direttamente dal cane, ma dalla zecca che può mordere sia cane che uomo. Se non individuata e curata, può portare ad artrite cronica, problemi cardiaci e neurologici, difficoltà nella deambulazione. I suoi sintomi sono spossatezza, mal di testa, reazioni cutanee e febbre.

Scopri come combattere i parassiti con i farmaci antielmintici.

Dott. Adriano Tessariol