Scabbia nel cane: sintomi, cause e cure per la rogna

Scabbia nel cane: sintomi, cause e cure per la rogna

La scabbia canina, conosciuta comunemente come rogna sarcoptica, è una malattia della pelle causata da un acaro.

Cause e tipologie della malattia

Se ne distinguono tre tipi principali:

  • Scabbia demodettica. Causata dall’acaro demodex, che vive normalmente sulla pelle. E’ provocata da un aumento spropositato della popolazione di acari, in genere dovuto a particolari condizioni o ad altre malattie.
  • Scabbia ambulante. Chiamata a volte “forfora che cammina“, si presenta con eruzioni cutanee arrossate, ed è causata dagli acari Cheyletiella.
  • Rogna sarcoptica. L’acaro responsabile è il Sarcoptes scabei. Esso scava dei tunnel nella pelle dell’animale, in fondo ai quali deposita le uova, che si schiuderanno peggiorando l’infestazione. E’ la più conosciuta e la più fastidiosa delle irritazioni da scabbia, che può arrivare a provocare ulcere pruriginose e lesioni profonde sulla pelle. E’ anche la forma più pericolosa per l’uomo, anche se il parassita in realtà non usa l’uomo come ospite principale ma solo come passaggio.

Sintomi della scabbia canina

Le zone inizialmente colpite dalla scabbia sono quelle con minore densità del pelo (muso, ascelle, orecchie ecc). Qui si annidano gli acari, che scavano nella cute dell’animale per crearsi un nido dove deporre le uova. Le aree di presenza degli acari risultano pruriginose per il cane, che per il fastidio tende a grattarsi violentemente, o a sfregarsi contro alberi, muri, o per terra.

La frizione dovuta al grattarsi peggiora la situazione aprendo ferite e provocando ulcere, che vanno ad aggravare le lesioni provocate dall’acaro. Inevitabili conseguenze sono quindi la formazione di croste e ferite, e la perdita del pelo nelle zone del corpo interessate. Se non curata la scabbia può estendersi su tutto il corpo.

Contagio

Il contagio da cane a cane (ma anche da cane a uomo) avviene per semplice contatto. Gli acari si trasferiscono dai peli di un animale a quelli dell’altro, dove ricominciano a scavare e ad annidarsi. E’ possibile contrarre la scabbia anche attraverso il contatto con cuscini, cucce, coperte utilizzati da un animale infetto.

Leggi anche: Zoonosi: le malattie trasmissibili dal cane all’uomo

Diagnosi e cura della rogna nel cane

Una volta diagnosticata la malattia, essa verrà curata tramite acaricidi, che possono essere somministrati sotto forma di pastiglie o iniezioni.

Sarà utile coadiuvare la terapia con appositi prodotti per la disinfezione e la detersione della cute e del manto dell’animale (o dell’uomo) infettato. Altrettanto importante è disinfettare e lavare accuratamente le superfici e gli oggetti con cui l’animale malato è entrato in contatto.

Per rendere efficace la cura, un altro elemento utile sono farmaci antinfiammatori, che aiutano l’animale a combattere il dolore del prurito e della conseguente irritazione.

Suggerimenti utili

Durante i regolari bagni del cane, è possibile utilizzare prodotti specifici per la prevenzione, che possono aiutare a fermare l’infestazione iniziale uccidendo gli acari.

E’ poi importante lavarsi le mani dopo il contatto con gli animali, e provvedere regolarmente alla pulizia di cucce, divani, cuscini e coperte utilizzati dal cane. In generale, una dieta equilibrata contribuisce alla buona salute ed al mantenimento di difese immunitarie ottimali.