Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Gatto Orientale

Nome ufficiale

Oriental Shorthair, Foreign Type

Introduzione / Storia / Curiosità

La loro storia è in tutto e per tutto intrecciata a quella del Siamese. Come quest’ultima razza di gatti la sua regione di provenienza è il Siam, la Thailandia. Era infatti diffuso un gatto strutturalmente simile al Siamese ma a tinta unita, o comunque senza la tipica colorazione point.

Nel Novecento questa tipologia di animale non era apprezzata dagli allevatori europei, che talvolta ottenevano – loro malgrado – animali a tinta unita dagli occhi verdi o magari gialli. Alcuni però si appassionarono, in particolare dal 1962 un allevatore britannico si attivò e in collaborazione con un genetista riuscì a ottenere un gatto bianco tinta unita con gli occhi blu.

Nell’arco di un decennio si arrivò a stabilizzarne diverse varietà, tra cui quella (già famosa negli anni ’50) denominata Havana, e a eliminare la sordità negli esemplari bianchi. Nel 1977 in America questo gatto è riconosciuto come razza a sé, differenziandolo dunque dal Siamese.

Caratteristiche

  • Dimensione: Medio
  • Pelo: Corto
  • Occhi: Medi

Valutazione

  • D'accordo con gatti:
  • D'accordo con cani:

Valori

  • Peso maschio: da 4 a 6.5 Kg
  • Peso femmina: da 6.5 a 6.5 Kg

Aspetto / Fisico del gatto Orientale

Gatto elegante e flessuoso, ha una corporatura lunga e snella, grazie anche alle spalle poco sporgenti. Il muso appuntito e le orecchie lunghe e sottili conferiscono alla testa la tipica forma di triangolo allungato. Gli occhi, grandi e ovali, si stringono in alto verso le orecchie e sono spesso verdi; possono presentarsi però blu (nella graditissima forma bianca) oppure impari. Le zampe snelle hanno piedi piccoli e ovali, mentre la coda è lunghissima e sottile.

Mantello / Colore

Oltre alla varietà shorthair, esiste una varietà più rara a pelo lungo o semilungo. Per quello che riguarda il colore invece sono ammesse praticamente tutte le varietà, eccezion fatta per quella colourpoint. I più famosi sono certamente il bianco (denominato Foreign White nelle esposizioni inglesi) col tartufo rosa e occhi blu; le varietà solide in nero, rosso, lilla o crema (occhi verdi), la forma Havana (marrone intenso), color cannella o l’originale varietà fawn (un grigio rosato). Inoltre sono accettati i mantelli tabby, tortie, ticked e smoke.

Carattere della razza Orientale

Dolci e affettuosi, gli Orientali sono animali di notevole intelligenza e a livello caratteriale mostrano somiglianze col Siamese, per esempio nel loro grande e quasi ossessivo attaccamento al padrone. La loro personalità emerge soprattutto se si sentono in qualche modo trascurati o ingiustamente non assecondati: possono diventare sdegnosi e risentiti. Ma il loro essere talvolta un po’ permalosi è indice della loro profonda sensibilità.

Alimentazione

Nessuna indicazione particolare sull'alimentazione del gatto Orientale.

Cure per il gatto Orientale

Un panno sarà sufficiente a tenere il pelo lucido e in ordine. Hanno bisogno di spazi per giocare: si adattano all’appartamento ma un piccolo giardino sarebbe l’ideale. Soffrono il freddo: meglio non lasciarli fuori durante la stagione invernale.

Adatto / consigliato a

È un gatto che, come il Siamese, si affeziona molto al padrone: è più opportuno adottarne uno se non passate molto tempo fuori casa.