Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Bengala

Nome ufficiale

Bengalese, Bengal

Introduzione / Storia / Curiosità

Il Bengala è una razza di gatto ibrida, cioè un incrocio fra un gatto domestico e un gatto leopardo. Nel 1963, in California, Jean Sudgen ha tentato per la prima volta questo incrocio. Dieci anni dopo il dottor Centerwall rifece lo stesso nel tentativo di rendere immuni i gatti domestici dalla leucemia felina. Il dottore non riuscì nel suo intento, ma creò una nuova razza: il Bengala.

Questo gatto aveva però un carattere aggressivo, selvatico e nervoso, per questo motivo venne successivamente incrociato con l’Abissino, il Mau Egiziano, il Burmese e l’Ocicat. Grazie a questi innumerevoli incroci si ottenne un gatto con il carattere più docile e mansueto. Nel 1986 il Bengala fu riconosciuto dalla TICA e nel 1991 venne riconosciuto come razza.

Caratteristiche

  • Dimensione: Medio
  • Pelo: Corto
  • Occhi: Grandi

Valutazione

  • D'accordo con gatti:
  • D'accordo con cani:

Valori

  • Peso maschio: da 8 a 9 Kg
  • Peso femmina: da 7 a 7 Kg

Aspetto / Fisico del gatto Bengala

È di taglia medio-grande: il corpo è lungo, forte, massiccio e molto muscoloso. La testa è più lunga che larga ed è abbastanza piccola rispetto al corpo. Anche le orecchie sono piccole e presentano le punte arrotondate. Gli occhi invece sono grandi, tondi o leggermente a mandorla e possono essere di qualsiasi colore. Le zampe sono molto muscolose, la coda è affusolata e ha la punta arrotondata e nera.

Mantello / Colore

Il pelo è corto, fitto e aderente al corpo. Il mantello è molto liscio e setoso, si presenta particolarmente lucido. I colori ammessi sono molti: Brown/Black Sotted Tabby e Snow leopard, cool colors, golden, sepia snow, silver (nuovo colore dal 2004, i Bengala di questa tonalità hanno un carattere più dolce), whited (molto raro e ricercato), lynx snow, mink snow.

Carattere della razza Bengala

Anche se sono stati fatti numerosi incroci, il carattere del Bengala rimane molto attivo, un po’ selvatico: ama cacciare, stare in alto, arrampicarsi. Adora giocare e alcune volte riporta addirittura gli oggetti. Nonostante la indole selvaggia è docile e affettuoso, inoltre è molto leale coi proprietari. È curioso e gli piace molto l’acqua. Questa razza è intelligente ed è abile nell’imparare trucchetti. È veloce e prudente, può vivere in casa se abituato da piccolo, ma solitamente ama scorrazzare indisturbato. Può convivere con altri animali domestici, ma non con pesciolini e uccellini. Quando sente arrivare il proprietario lo aspetta vicino alla porta. Si abitua bene a passeggiare al guinzaglio. È un gatto che miagola poco, ama essere accarezzato e lodato. Soffre la solitudine, ma vuole la sua privacy a volte.

Alimentazione

Meglio scegliere cibo in scatola, scelto con cura e già bilanciato. Evitare latte e derivati.

Cure per il gatto Bengala

Il mantello del Bengala richiede poche cure: basta semplicemente una spazzolata ogni tanto. Le orecchie vanno pulite frequentemente perché producono molto cerume.
A volte, ma di rado, possono insorgere episodi di instabilità emotiva e aggressività per via della loro indole selvatica derivante dalla loro origine.
Possono avere problemi intestinali, il naso secco con croste e problemi scheletrici.

Adatto / consigliato a

I Bengala non sono adatti a persone pigre che non vogliono passare un po’ del loro tempo a giocare con il proprio animale. Si adattano a vivere in appartamento, ma serve uno spazio tutto loro. È preferibile scegliere questi gatti se si ha un giardino nel quale possono scorrazzare liberamente.