Mastino Napoletano

Nome ufficiale

Neapolitan Mastiff

Introduzione / Storia / Curiosità

Si tratta di una delle razze native dell’Italia. Le origini sono davvero remote: alcuni studiosi riconoscono i suoi antenati già nel Canis pugnax di epoca romana, quando le legioni si facevano accompagnare nelle loro spedizioni da enormi molossoidi che fungevano principalmente da guardiani. Columella, nel suo De re rustica (I secolo d.C.) racconta di due cani differenti, un cane da pastore e un altro più adatto alla guardia: la prima descrizione del Mastino Napoletano. Nel corso dei secoli è rimasto il fedele compagno di mandriani e contadini campani, sino all’epoca del brigantaggio quando, col nome di Cane e’ presa, il Mastino era scelto in virtù della sua forza e fedeltà. Nel XX secolo Pietro Scanziani si occupò di reperirne degli esemplari e a partire dagli anni Sessanta conobbe una certa diffusione col nome con cui anche oggi lo conosciamo: Mastino Napoletano.

Caratteristiche

  • Dimensione / Taglia: Grande
  • Da guardia: Si
  • Da caccia: No
  • Addestrabile: Difficile
  • Ipoallergenico: Si

Valutazione

  • Adatto ai bambini:
  • D'accordo con gatti:
  • D'accordo con cani:
  • Intelligenza:
  • Adatto appartamento:

Valori

  • Lunghezza vita: da 8 a 10 anni
  • Peso maschio: da 60 a 70 Kg
  • Peso femmina: da 60 a 60 Kg
  • Altezza maschio: da 63 a 63 cm
  • Altezza femmina: da 58 a 70 cm

Aspetto / Fisico del Mastino Napoletano

Cane grande e possente. La testa è massiccia e piena di rughe. Il muso è largo e profondo, il tartufo è ampio e la colorazione in linea con quella del mantello. Gli occhi sono ben distanti tra loro, il colore in armonia col pelo. Le orecchie sono triangolari, allineate sopra lo zigomo, e cadono ben aderenti alle guance. La coda è lunga sino al garretto e quando il cane è in movimento si alza al massimo un poco al di sopra della linea del dorso.

Mantello / Colore

Il pelo è denso e uniforme. La lunghezza massima è di 1,5 cm. Le colorazioni sono molto variabili: grigio più o meno scuro, nero, mogano, fulvo (meno gradite il nocciola, tortora e l’isabella). Tutte le tonalità possono presentare una tigratura. Tollerate chiazze bianche al petto e sulle zampe.

Carattere del Mastino Napoletano

È un cane silenzioso, abbaia raramente. Ama la sua famiglia verso la quale si dimostra davvero protettivo: la difenderà anche a costo della vita. Deve poter contare su una socializzazione precocissima, così da non diventare troppo timido o aggressivo nei confronti degli estranei.

Alimentazione

Nessuna indicazione particolare sull'alimentazione del Mastino Napoletano.

Cure

Il mantello non richiede particolari cure.
È tra le razze meno longeve. Come tutti i cani grandi, uno dei rischi è la torsione dello stomaco: i proprietari devono informarsi su come scongiurarla e soprattutto a riconoscerne tempestivamente i sintomi.

Adatto / consigliato a

È un cane territoriale e forte, sconsigliato dunque ai proprietari alle prime armi. Ama incondizionatamente la propria famiglia. Un cortile dove possa fare un po’ di attività all’aperto è l’ideale.