Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

La morte di un animale domestico, come affrontare la perdita

La morte di un animale domestico, come affrontare la perdita

Quando il nostro animale domestico viene a mancare, si tratta di un momento altamente emotivo. Che sia un evento inaspettato o che l’animale fosse molto anziano o malato, il dolore è ugualmente grande.

Il nostro cane o gatto sono membri della famiglia a tutti gli effetti. La loro morte provoca sofferenza, fino a volte a causare forme di depressione.

Capita spesso che gli altri sminuiscano questo dolore. “Era solo un animale”, o “Prendine un altro” sono frasi comuni che banalizzano la sofferenza. Ci si aspetta che la perdita di un animale domestico sia un dolore facilmente superabile senza lasciare tracce.

Il rapporto con gli animali

Cani e gatti (e tutti gli animali domestici) dipendono in toto dall’essere umano, sia per i bisogni materiali che per quelli affettivi. Non solo mangiare, giocare, uscire, ma anche le coccole, la comunicazione. Il legame emotivo che si crea con un animale è particolarmente intenso. Essi non giudicano niente e nessuno, ma amano il loro proprietario senza riserve.

Relazionarsi con un animale domestico è fonte di gioia e benessere per l’uomo. Tuttavia, è necessario fare i conti con una aspettativa di vita inferiore alla nostra. E’ quindi probabile che vedremo il nostro animale crescere, invecchiare e morire.
La morte del nostro amico inoltre può provocare pensieri più ampi. Ad esempio, può riportare alla luce ricordi di altri lutti vissuti, oppure farci temere la nostra stessa morte.

Le persone sole sono quelle che soffrono di più la perdita del loro animale. Esse infatti avevano come unica compagnia quella del loro cane o gatto. La sua morte ha portato via loro prima di tutto un amico, una parte importante della loro esistenza.

Affrontare la perdita

In primo luogo, è necessario riconoscere i propri sentimenti. Bisogna fare spazio al dolore senza sentirsi giudicati o imbarazzati. Trattenersi infatti non fa che peggiorare la situazione: non è certo facendo finta di niente che la sofferenza passerà. Cerchiamo di parlare del nostro stato d’animo con persone fidate. Esprimersi infatti aiuta a superare la perdita.

Alcune strategie utili sono creare un album di ricordi, o diventare volontari per associazioni animaliste. Creare un rito che ci ricordi in maniera simbolica l’amico perduto è un valido aiuto per dare un significato e mettere un “contenitore” intorno alle emozioni del lutto. Con il tempo il sentimento di lutto resterà, ma si affiancherà all’accettazione.

I bambini e la perdita di un animale

Per i piccoli, la presenza di un animale in famiglia è fonte di crescita e maturazione. I due diventano spesso inseparabili compagni di giochi. La morte del cane o del gatto è sicuramente un momento difficile per i bambini, che vanno aiutati a comprendere e superare la sofferenza. L’accaduto inoltre potrà aiutarli a far fronte alle diverse perdite che affronteranno nel corso della vita.

Comunicare la perdita ai bambini

Per comunicare al piccolo che il suo animale non c’è più, è necessario scegliere con cura luogo, momento e parole. Il linguaggio utilizzato deve essere adeguato all’età del bambino, ma anche al suo livello di maturità.

Se l’animale di casa è malato o molto anziano, una buona idea è affrontare l’argomento prima che avvenga il decesso. In questo modo il bambino sarà relativamente preparato, ed avrà il tempo di salutare il suo amico.

Quando la morte è improvvisa invece è bene prendersi un momento per ascoltare il bambino, ed eventualmente rispondere alle sue domande. Spiegategli con calma cosa è successo, e soddisfate il suo bisogno di sapere. Mentire dicendo che l’animale è fuggito non ha senso, e rischia inoltre di far stare peggio il piccolo se viene a scoprire la verità. Fate capire al bimbo che le emozioni come dolore, rabbia e frustrazione sono normali quando si subisce una perdita, e non deve nasconderle. Ricordate che l’esempio è fondamentale: l’adulto non deve a sua volta nascondere le sue emozioni al bambino.

Si può condividere con i bimbi la storia di un animale che vi ha lasciati quando voi eravate piccoli. Sapere che mamma e papà hanno provato le stesse emozioni è sicuramente confortante. Se possibile, organizzate una piccola cerimonia, o prendetevi il tempo di condividere ricordi divertenti. In questo modo il saluto all’amico del cuore sarà più sereno e facilitato.

Sottolineate infine che il dolore della perdita con il tempo se ne andrà, ma i bei ricordi ed i bei momenti rimarranno per sempre nella mente e nel cuore.

Adottare un nuovo amico

Quando sarà il momento giusto, adottare un nuovo animale farà sicuramente contenti grandi e piccoli. Il suo ingresso in famiglia però non deve essere vissuto come una sostituzione, per questo è bene aspettare il tempo necessario affinché tutti siano emotivamente pronti.