La Leishmaniosi nel cane. Sintomi, cura e vaccino

La Leishmaniosi nel cane. Sintomi, cura e vaccino

La Leishmaniosi è una malattia causata dalle punture dei pappataci (flebotomi), che tramite il morso trasmettono al cane un parassita chiamato Leishmania Infantum.

L’innalzamento globale delle temperature degli ultimi anni dovuto all’inquinamento, ha permesso ai flebotomi di sopravvivere e colonizzare aree geografiche che in passato non erano adatte ad accogliere loro ciclo vitale, ed insieme a loro anche la Leishmaniosi è sempre più diffusa.

La puntura degli insetti non provoca necessariamente la malattia: molto dipende dal sistema immunitario del cane. Sono molte però le malattie parassitarie che possono colpire il nostro cane.

Si tratta di una patologia prevalentemente canina, ma possono esserne colpiti anche i gatti o l’uomo. Nel caso degli umani comunque, è possibile contrarre l’infezione solo direttamente dalla puntura degli insetti, non dal proprio animale anche se malato.

I sintomi della Leishmaniosi canina

E’ difficile riconoscere i sintomi della Leishmaniosi: essi infatti sono estremamente variabili oppure è possibile che non si manifestino affatto.

Un campanello d’allarme potrebbe essere il cambiamento inspiegabile del pelo: potrebbe ingrigirsi (in particolare sul muso, intorno ad occhi, orecchie e naso).

Altri segnali potrebbero essere una forte dermatite, con ulcerazioni o forfora, oppure una crescita anomala ed irregolare delle unghie. Potrebbero comparire anche problematiche a livello degli occhi, dei reni o delle articolazioni.

La diagnosi

Proprio per la difficoltà a riconoscere i sintomi, l’ideale è portare il cane dal veterinario almeno una volta all’anno, per controllare attraverso un semplice prelievo del sangue se ha contratto o meno la Leishmaniosi.

In tempi brevissimi (pochi minuti) i test di laboratorio danno una risposta che, se positiva, implica ulteriori accertamenti. Uno di questi è il cosiddetto “ago aspirato“, un prelievo che serve a verificare la presenza del parassita tramite il microscopio; vengono poi valutate la quantità di proteine presenti nel sangue e la funzionalità renale.

La cura della Leishmaniosi

Una volta ottenuta una diagnosi certa,sarà il veterinario ad indicare la terapia migliore per curare il vostro cane, In genere per uccidere il parassita ed impedire la sua proliferazione viene usata una combinazione di allopurinolo e antomoniato o miltefosina. Purtroppo nonostante la cura, una volta contratta la Leishmaniosi il cane rimarrà portatore sano di questi parassiti.

Il vaccino contro la Leishmaniosi

Da alcuni anni (per la precisione dal 2011) esiste un vaccino per la Leishmaniosi, che tuttavia ha alcune restrizioni. Non possono essere vaccinati i cuccioli di meno di sei mesi di età, e le femmine in gravidanza o in allattamento.

Si tratta di un vaccino che richiede più dosi (tre iniezioni a distanza di tre settimane l’una dall’altra) e di un richiamo dopo un anno dall’ultima somministrazione. L’animale sarà protetto dopo un mese dal completamento del primo ciclo.

Dott. Adriano Tessariol