La giardiasi nel cane: sintomi, cause e cure della giardia

La giardiasi nel cane: sintomi, cause e cure della giardia

Cos’è la giardia canina. La giardia (o giardiasi) è una patologia dell’apparato intestinale, che interessa principalmente l’intestino tenue. Il responsabile della giardia è un parassita, chiamato Giardia Lamblia, che si trova principalmente in acque stagnanti, scoli, pozze non potabili.

In genere si trova in zone dove la situazione igienica è fortemente compromessa, ma trattandosi di un parassita altamente infestante e trasmissibile all’uomo, è bene prestare attenzione. Ingerendo acqua contaminata, o entrando in contatto con feci di animali infetti, il cane immette il protozoo nel suo organismo, dove si riproduce velocemente.

Le cisti vengono poi espulse attraverso le feci, e rimangono in vita a lungo nell’ambiente, libere di infestare altri animali o l’uomo.

Sintomi della giardia nel cane

Il cane affetto da giardiasi presenta alcuni sintomi come feci abbondanti, molli e maleodoranti. E’ possibile che le feci presentino anche tracce di sangue e sostanza grassa.

Appare spesso apatico, inappetente, può presentare dolori addominali ed in genere fatica ad assimilare i nutrienti necessari dal cibo che riesce ad ingerire. E’ possibile che di fronte ad un appetito normale, il cane dimagrisca inspiegabilmente. Il rischio di disidratazione è alto.

Se non curata tempestivamente, questa parassitosi rischia di diventare cronica, peggiorando progressivamente le condizioni dell’animale. In alcuni casi tuttavia è possibile che la malattia rimanga asintomatica per lungo tempo.

Diagnosi, cura e prevenzione

In presenza di diarrea, soprattutto se insistente, è bene portare l’animale dal veterinario per una analisi accurata.

Un esame delle feci sarà in grado di stabilire se vi è in corso una parassitosi da giardia, a cui seguiranno le cure necessarie. In presenza di giardiasi, è bene procedere con la disinfezione di tutti i luoghi dove l’animale abitualmente vive, comprese la cuccia e le ciotole.

Le feci vanno raccolte ed eliminate, per evitare il più possibile la dispersione delle cisti nel terreno, e ridurre così il rischio di contaminazione. Se ci sono altri animali, è bene sottoporre anche loro alla profilassi contro questa malattia.

Suggerimenti utili

Insegnare al cane a non abbeverarsi da fonti di acqua non sicure, soprattutto pozze e acque stagnanti. Raccogliere sempre le feci e non disperderle nell’ambiente limita le possibilità di contagio. Insegnare al cane a non avvicinarsi alle feci di altri animali.

Mantenere un buon livello di igiene nei luoghi di vita e permanenza degli animali, disinfettare regolarmente cuccia e ciotole. In presenza di bambini, assicurarsi che non mettano in bocca le mani dopo aver toccato o giocato con il terreno dove è possibile che gli animali abbiano defecato.

Leggi anche: Zoonosi: le malattie trasmissibili dal cane all’uomo