Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Giocare con il cane, consigli utili per giochi con fido

Giocare con il cane, consigli utili per giochi con fido

Quando giochiamo con il nostro cane non ci stiamo solo divertendo insieme a lui, ma stiamo facendo qualcosa di importantissimo e fondamentale per stringere il nostro legame e far crescere affetto, fiducia e rispetto.

“Giocando si impara”, dice la saggezza popolare, ed è importante nel momento ludico non dimenticare gli aspetti educativi del divertimento, e non incappare in errori che sul lungo periodo potrebbero risultare controproducenti.

Qual’è dunque il modo migliore per giocare con il nostro cane?

Se il tempo che abbiamo da dedicargli non è molto, bisogna sfruttarlo al massimo, dimostrando al nostro amico il nostro interesse e soprattutto il nostro coinvolgimento. Essendo un giocherellone, apprezzerà moltissimo la nostra fantasia nel proporgli attività, e più saremo capaci di giocare bene con lui, più ci considererà degli eroi.

Sono moltissime le cose che possiamo fare insieme: correre, rincorrersi, nascondersi, giocare con una palla… i principali e più semplici giochi sono quelli di movimento, graditi da tutti e utili a entrambi per tenersi in forma e fare un sano esercizio fisico.

Giochi di attivazione mentale per cani

Per mantenere attivo anche il cervello del nostro cane, non dimentichiamoci dei giochi di attivazione mentale! Gli animali infatti, proprio come noi, hanno bisogno di essere stimolati ed allenati anche da questo punto di vista. Via libera dunque a tutte quelle attività che stimolano la capacità di relazionare gli eventi, di comprendere i legami di causa ed effetto, che lo stimolino ad utilizzare le sue capacità innate (osservazione, fiuto, ecc).

Quando scegliamo cosa fare con un cane, dobbiamo sempre considerare anche le caratteristiche tipiche della sua razza: alcuni preferiranno giocare al riporto, altri – per esempio i segugi – saranno felicissimi di impegnarsi in un gioco basato sulla ricerca.

Altro genere di attività sono quelle che stimolano la capacità del cane di risolvere problemi. Provate a mettere sul pavimento tre bicchieri rovesciati, sotto uno dei quali avrete nascosto un bocconcino. Mescolateli come si fa nel gioco delle tre carte, e lasciate che il vostro animale indichi con il muso o con la zampa qual’è il bicchierino con la succulenta sorpresa…che gli darete come premio se indica il bicchiere giusto! Una attività semplice come questa è in grado di stimolare la sua pazienza, la sua attenzione, e le sue abilità di problem solving.

In commercio si trovano giocattoli per cani di ogni genere. In realtà i nostri amici non hanno particolari pretese in merito, e sono in grado di divertirsi quasi con qualsiasi cosa decidiamo di dargli: legnetti, bottiglie vuote, vecchi palloni bucati. Qualche volta, comunque, è bello regalare al nostro cane un giocattolo speciale scelto apposta per lui, ma quando decidiamo che cosa comprargli dobbiamo prestare attenzione a diversi aspetti.

Meglio evitare tutti quegli oggetti che ricordano scarpe o ciabatte, così come è una pessima idea lasciare che il nostro cane giochi con le nostre vecchie calzature: in questo modo gli lasceremmo pensare che le scarpe, anche quelle che utilizziamo, sono giocattoli che può liberamente masticare o usare per divertirsi!

Per lo stesso motivo è meglio evitare di procurargli giochi con sembianze di altri animali, come gatti o galline perché, non conoscendo la differenza, il cane penserebbe che non c’è niente di male nel rincorrere e morsicare anche gatti o polli in carne ed ossa.

Un’attività sempre gradita è quella con i giocattoli da riporto, esistenti in ogni possibile variante di colore, forma e materiale: legno, corda, gomma… Anche in questo caso dobbiamo però stare attenti ai possibili “effetti collaterali” del gioco: se li utilizziamo per giocare al “tira e molla” il nostro cane si abituerà a non mollare facilmente la presa, ed interiorizzerà il concetto del “vince il più forte“, con conseguenze anche potenzialmente pericolose.