Gatto simile al Persiano: quali razze di gatti gli assomigliano?

Gatto simile al Persiano: quali razze di gatti gli assomigliano?

Famosissimo ed amatissimo, il gatto Persiano ha innumerevoli fan in tutto il mondo. Nonostante il nome, le sue origini sono inglesi, poiché proprio nell’Inghilterra ottocentesca la razza ha cominciato ad essere standardizzata ed appositamente allevata.

Il suo aspetto imponente è dato sia dalle dimensioni medio-grandi che dalla  lunghezza del manto. Il suo pelo soffice e vaporoso può arrivare ai 10 cm di lunghezza ed oltre! All’aspetto magnifico il Persiano coniuga un carattere altrettanto positivo: affettuoso, docile, altamente socievole e molto adattabile.

Insomma, un animale perfetto per tutti! Se si convive con uno di questi animali però, sarà necessario concentrare diverse attenzioni sul manto, non solo per fattori estetici, ma anche per evitare che sporco e polvere vi si depositino, soprattutto se il gatto ha la possibilità di uscire di casa. Il pelo del gatto Persiano andrebbe spazzolato accuratamente ogni giorno, per garantire la sua pulizia ed il suo benessere: un impegno non da poco!

Quale razze sono simili ai gatti Persiani?

Esistono però altre razze simili a questo splendido animale, che differiscono per alcune caratteristiche fisiche o caratteriali, ma potrebbero forse proprio per questo risultare più adatte alle nostre esigenze.

  • Birmano. Il Birmano, o Sacro di Birmania, ricorda il Persiano sia per le dimensioni (medie-grandi) che per la morbidezza del pelo. Il suo manto tuttavia è leggermente più corto di quello del Persiano, e pur richiedendo manutenzione qualche spazzolata a settimana sarà sufficiente a mantenere un buon livello di igiene. Come carattere è anch’esso fortemente affettuoso e coccolone, e risulta adatto come animale da compagnia per tutta la famiglia, compresi i bambini.
  • Himalayano. Il gatto Himalayano è in realtà frutto di un incrocio tra Persiano e Siamese. Il suo essere ibrido ha fatto sì che spesso sia riconosciuto dalle associazioni come semplice variante del Persiano anziché come razza a parte. Il lato positivo di questo riconoscimento dubbio è che rispetto al Persiano puro il costo di un Himalayano è nettamente inferiore (intorno ai 400 euro), ed è quindi più alla portata di tutti. Il suo manto è voluminoso e folto, e si scurisce alle estremità dopo circa una settimana dalla nascita del cucciolo.
  • British Longhair. Il British Longhair è un altro animale che ha tra i suoi antenati proprio il Persiano. Il suo manto lungo e setoso è morbido e piacevole al tatto, e può avere differenti colorazioni. Socievole, tranquillo e giocherellone è anch’esso adatto alle famiglie, ma è necessario educare i bambini a non disturbarlo troppo o con troppa irruenza. Caratteristica del British Longhair che lo rende adatto a chi vive in contesti condominiali è che miagola poco e tende ad avere un tono molto dolce, per cui difficilmente disturba.
  • Siberiano. Di taglia grande, il Siberiano ha in comune con gli altri gatti di questa rassegna la lunghezza e morbidezza del manto. Si distingue per la sua robustezza e forza, e per il carattere fiero ed indipendente. Ha inoltre molto bisogno di spazio, e gradisce la possibilità di uscire ed aggirarsi libero in giardini e cortili, anche in campagna. Sebbene possa sembrare “meno elegante” di un sofisticato Persiano, la sua robustezza è proprio il suo punto di forza: il pelo anche se lungo non ha bisogno di essere spazzolato quotidianamente, e la sua autonomia lo rende perfetto per chi non ha molto tempo a disposizione da passare in casa.
  • Angora Turco. Oltre allo splendido manto che lo rende universalmente famoso ed apprezzato, l’Angora Turco garantisce alla sua famiglia un carattere strepitoso. Allegro, socievole, affettuoso e giocherellone porterà il buonumore qualunque sia la composizione degli abitanti della casa. Adora essere oggetto di attenzioni e coccole, ed il suo punto forte è la disponibilità a convivere anche con altri animali, rendendosi adatto ad un ambiente davvero variegato.