Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Cani alla moda: i cappotti invernali servono davvero?

Cani alla moda: i cappotti invernali servono davvero?

Suvvia, siamo sinceri: sappiamo tutti che i cani, ed in particolare le femmine, adorano i bei vestiti, tanto da tirare il guinzaglio ogni volta che passeggiando capitiamo nei pressi di una vetrina di Pet Shop. E come si fermano a osservare i capi esposti, fissandoci poi con gli occhioni sgranati! E come studiano l’abbigliamento degli altri cani in giro per la città!

E’ proprio dall’abito che deducono il rango sociale dei loro simili, e decidono se valga o meno la pena di fermarsi a salutarli. Sappiamo bene anche che il loro abbaiare all’indirizzo di altri animali dall’altro lato della strada significa niente altro che disapprovazione per la loro mise, o per l’abbinamento di colori tra cappottino e pelo.

Tutti infine abbiamo provato frustrazione quando, dopo aver abbigliato il nostro animale con pezzi di alta moda, lui (o lei) si impunta e rifiuta di uscire, e il vero motivo non è che ha freddo o che teme la pioggia o che stava comodissimo/a sul divano insieme a noi, ma semplicemente che le nostre scelte in fatto di vestiario non incontrano il suo gusto.

La dura verità

Nonostante possano essere accessori davvero belli esteticamente, non sempre i cappottini sono necessari per la salute del nostro cane, e non ha senso acquistarli e soprattutto farli indossare a loro solo per un nostro vezzo e non perché davvero aumentano il benessere dell’animale.

Se comunque ci troviamo ad acquistarne uno, dobbiamo tenere in considerazione diversi aspetti.

Innanzitutto: il tipo di pelo del cane. Quello che lo protegge realmente dal freddo non è tanto il pelo quanto il sottopelo, dalla cui foltezza dipende la possibilità del cane di restare isolato dalle basse temperature. Ad esempio, un Lhasa Apso possiede pelo molto lungo ma poco sottopelo, ed è quindi più esposto al freddo rispetto ad un Alaskan Malamute che, nonostante il pelo medio, possiede un folto sottopelo in grad di proteggerlo adeguatamente.

La necessità o meno di vestire il nostro animale dipende anche da età (cuccioli e cani anziani sono come intuitivo più delicati e bisognosi di protezione), taglia, stato di salute. Gli animali debilitati da malattie, o coloro che soffrono di patologie respiratorie e/o cardiache necessitano di una protezione maggiore durante le passeggiate e le uscite all’aria aperta.

Anche l’ambiente abituale di vita condiziona la capacità del cane di proteggersi: se vive in casa per tutto l’anno, il suo sottopelo tenderà ad essere scarso indipendentemente dalla razza cui appartiene, perché è proprio la necessità di far fronte a basse temperature che ne stimola la crescita. In questo caso, durante le uscite sarà bene proteggere il nostro cane, perché probabilmente soffrirà lo sbalzo di temperatura tra interno ed esterno.

Se al contrario il nostro animale vive all’esterno, svilupperà naturalmente un mantello invernale che servirà a mantenere costante la sua temperatura corporea, e potremo portarlo a spasso come sempre senza dover prendere particolari precauzioni.

Dato che siamo noi a prendere decisioni per i nostri animali, scegliamo sempre per i loro accessori materiali di prima qualità, che non provochino allergie o irritazioni, che non impediscano i movimenti e che siano adatti alla stagione in corso. Per far indossare il cappotto al cane, chiamiamolo con dolcezza, e ricordiamoci di lodarlo e premiarlo quando si lascia vestire senza protestare.